L’insufficienza delle soluzioni informatiche e l’utilizzo di sistemi di sviluppo interni hanno da sempre reso particolarmente difficile la gestione di questo processo. L’appoggio di un fornitore esterno permette invece di fruire dell’esperienza sviluppata in una vasta casistica.

15/06/2018
👤Autore: C Consulting Review numero: 55 Pagina: 26
Le soluzioni informatiche ai problemi gestionali e di processo sono ormai presenti a livello generalizzato da più di 50 anni. Eppure, questo è ancora considerato un settore nuovo e poco affidabile, incredibilmente anche dal top management di aziende importanti come, per esempio, le compagnie di assicurazione. Questo, purtroppo, ha un fondamento: è dovuto ai risultati troppo spesso scarsi ottenuti dopo costosi acquisti di soluzioni (software e servizi) per le quali i fornitori (spesso grandi e noti) promettevano meraviglie. Oppure ad altrettanto costosi e complessi sviluppi interni presto obsoleti e poco rispondenti ai reali bisogni. Una delle spiegazioni più fondate per questi risultati deprimenti risiede nella carenza di conoscenze da parte degli sviluppatori degli argomenti specifici che si volevano affrontare e risolvere: l’equivoco (spesso tragico ma comune) in cui si è caduti è stato quello di utilizzare esclusivamente specialisti informatici (magari con grandi e profonde conoscenze tecnologiche) per realizzare soluzioni e/o tentare di risolvere problemi di business di cui solo l’utente finale capiva davvero tutte le implicazioni.

ALTERNATIVE INADEGUATE

Il problema della gestione della riassicurazione (specialmente per le compagnie cedenti) ricade ampiamente nelle fattispecie sopra citate. Una compagnia che abbia il problema di gestire la cessione della riassicurazione ha virtualmente tre scelte: gestione manuale con l’uso di fogli Excel, sviluppo interno di applicazioni, o acquisto di una soluzione di mercato. E con un ulteriore specifico problema: malgrado la sua importanza e i suoi potenti effetti sul conto economico e sulla solvibilità stessa della compagnia, quello riassicurativo viene spesso considerato un processo non degno di investimenti significativi. Quindi, trascurando le soluzioni manuali (realmente pericolose e non controllabili) e gli sviluppi di soluzioni interne (ormai poco di moda negli ambienti più evoluti), anche le soluzioni di mercato presenti da decenni non si sono mai rivelate realmente all’altezza. Infatti, quando sono proposte come moduli di costosi sistemi di portafoglio risentono in maniera chiara della scarsa importanza data a tali moduli dai vendor (offrono di solito solo funzionalità di base ben poco soddisfacenti). Nei pochi casi in cui si tratti di soluzioni autonome, queste sono spesso costituite da adattamenti di sistemi complessi, nati solo per le esigenze dei grandi riassicuratori, passate di mano più volte (gli sviluppatori iniziali sono spariti) e proposte da big player, che non investono in mercati piccoli come questo, la cui concentrazione è molto diluita su decine (se non centinaia) di proposte diverse.

LA SOLUZIONE: UN FORNITORE DEDICATO ALLA RIASSICURAZIONE

Ormai più di cinquanta compagnie (tra cui molte filiali di grandi multinazionali e già clienti esteri) hanno scelto un fornitore totalmente ed esclusivamente specializzato nella gestione della riassicurazione (XLayers) traendone benefici decisivi, con un ritorno dell’investimento al di sotto di un anno.
C Consulting è un’azienda che da oltre 15 anni opera in maniera dedicata in questa nicchia. I suoi oltre trenta specialisti costituiscono il gruppo più numeroso di informatici riassicurativi presente in Europa: la loro principale attività è quella assistere i clienti che utilizzano XLayers, il sistema leader di mercato per la gestione, controllo e certificazione della riassicurazione passiva (e attiva).


Aldo Capurro, amministratore unico di C Consulting

LA “DIVERSITÀ” COME MOTIVO DI SUCCESSO: C CONSULTING E XLAYERS

La dedicazione di C Consulting significa una grande attenzione a XLayers e al cliente, e rappresenta una caratteristica unica tra le società informatiche che operano nel mondo assicurativo. Nel suo approccio ultra-specializzato e radicalmente diverso sta l’unicità di C Consulting. 
Lo sviluppo software è totalmente guidato dalle esigenze dei clienti, la presenza degli ideatori e sviluppatori iniziali (in primis Aldo Capurro, socio di maggioranza e amministratore) tuttora garantisce conoscenza e continuità e le numerose referenze, tutte positive, fanno di C Consulting una vera boutique nel suo campo specifico. Specialmente adesso che, dopo aver appena digerito le complessità di base della normativa Solvency II, diverse nuove sfide si affacciano: le simulazioni necessarie per la scelta degli Usp (Undertaken Specific Parameters nell’ambito della definizione degli Scr), i cambiamenti imposti dall’applicazione dei nuovi criteri contabili definiti da IFRS 17, le sfide proposte dalle nuove tecnologie (Blockchain, ecc).
Oggi, C Consulting e XLayers stanno vivendo un momento di grande attività e successo. Il mercato assicurativo ha percepito assai chiaramente che tra i molti fornitori che offrono soluzioni, solo C Consulting consente un avviamento rapidissimo, completo ed efficace di XLayers, attraverso un breve progetto personalizzato per cliente.

IL MERCATO

Ma esistono anche altri motivi per considerare C Consulting diversa dagli altri. Per la compagnia che adotta il sistema per la gestione della riassicurazione, il grande numero degli utilizzatori già operativi, ciascuno dei quali ha contribuito con le proprie esperienze ed esigenze alla crescita del sistema, è la prima garanzia in termini di crescita della soluzione e di completezza di funzioni. E questo è esattamente il modo con cui è cresciuto XLayers.
Si noti, inoltre, come le compagnie clienti di C Consulting utilizzino sistemi di portafoglio polizze e sinistri di vari fornitori e molto spesso anche più di uno per compagnia. XLayers dà la garanzia di funzionamento con qualsiasi sistema di portafoglio senza mai alcun problema: un vantaggio significativo specie nel caso di gruppi complessi che utilizzino sistemi di portafoglio diversi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

👥

Articoli correlati

I più visti