IL PROPERTY SECONDO AIG

Ai segmenti large limits e middle market è rivolta l'offerta della compagnia per il ramo, che mira a garantire una copertura omogenea ai rischi internazionali. Ed è in arrivo anche la proposta relativa al settore delle Sme (PMI)

IL PROPERTY SECONDO AIG hp_stnd_img
👤Autore: AIG Review numero: 28 Pagina: 35
La più estesa capacità assuntiva allocata in maniera omogenea. Questa la vision dell’offerta Property messa a punto da Aig per i mercati large limits e middle market, due segmenti molto importanti per il mercato italiano. 
“Riguardo al primo – spiega Renato Vecchio, Aig Italy property manager – l’offerta prevede una capacità sottoscrittiva modulata in relazione alla tipologia di attività assicurata, che può arrivare fino a 1,5 miliardi di dollari, per i rischi target con requisiti qualitativi di livello adeguato e supportati da stime espositive del servizio risk engineering; fruendo inoltre del network internazionale Aig, per la gestione di programmi all risk property damages e business interruption con opzioni di copertura, flessibili e tailor made”. 

Al middle market, invece, la compagnia ha voluto dedicare il prodotto assicurativo innovativo, Property Performance, presentato nel corso della celebrazione del 65esimo anno di attività Aig in Italia, che nasce anche con l’obiettivo di fornire al cliente la più omogenea copertura ai rischi internazionali, prestando le medesime condizioni di polizza nei Paesi ove è commercializzato e la certezza di una tutela assicurativa offerta da un’unica compagnia. 





“Le principali innovazioni del prodotto sono: la scelta della copertura danni diretti da applicare (utile lordo o ricavi lordi), per realizzare il risarcimento più conveniente per il cliente; la possibilità di ottenere, in tempi brevi, l’anticipo indennizzo del 50% del danno diretto stimato in caso di evento risarcibile; l’esclusione di alcune prescrizioni (relative agli impianti antincendio, ai sistemi antintrusione o al metodo di deposito delle merci) per facilitare la gestione dei sinistri a vantaggio del cliente; infine – conclude Vecchio – l’estensione delle garanzie all risk danni diretti e indiretti alle coperture delle bonifiche ambientali, del furto a garanzia totale e del cyber risk, oltre che alla garanzia update to green, che determina il risarcimento per il rimpiazzo dei beni danneggiati, con altri certificati green”.


IL TRIANGOLO AIG

La strategia Aig nei segmenti large limits e middle market prevede un forte coinvolgimento dei principali intermediari assicurativi e un crescente interesse del mercato aziende target, permettendo di realizzare importanti sinergie nella triangolazione cliente/intermediario/compagnia, a beneficio della qualità del servizio erogato, con ottimi risultati in termini di fidelizzazione del cliente e sviluppo del portafoglio gestito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti