DATI E CONOSCENZA AL CENTRO DELLE POLITICHE ESG

L’impegno di Unipolsai Assicurazioni e CRIF per la crescita sostenibile passa attraverso la raccolta e l’analisi dei dati sulle performance ESG con soluzioni innovative

DATI E CONOSCENZA AL CENTRO DELLE POLITICHE ESG hp_stnd_img
👤Autore: CRIF Review numero: 94 Pagina: 22
La sostenibilità è un tema ormai imprescindibile in ogni ambito della società e delle filiere economiche, come osservato dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile definita dalla Nazioni Unite, con obiettivi di eccezionale portata, come il contrasto ai cambiamenti climatici. In questa sfida planetaria le compagnie di assicurazione, coerentemente con la loro mission di gestori del rischio, sono chiamate a dare un contributo fondamentale. Su questo fronte l’impegno del Gruppo Unipol è consolidato già da diversi anni, partendo dalla rendicontazione, dall’educazione finanziaria, dalla definizione di prodotti a supporto della transizione green, fino all’applicazione concreta delle politiche di sostenibilità che rappresentano il “cuore” del presidio degli aspetti ambientali, sociali e di governo societario (o ESG - Environmental, Social and Governance). 
Per le compagnie assicurative il compito primario è integrare le istanze ESG nella capacità di individuare, valutare e gestire i rischi. Il presidio di questi fattori è una pratica già diffusa tra i migliori operatori del settore e costituisce un elemento chiave per creare un valore sostenibile nel tempo. “UnipolSai ha declinato la sua governance ESG in tutte le fasi del processo di creazione del valore”, spiega Giulia Balugani, sustainability manager di UnipolSai Assicurazioni. Per quanto riguarda l’underwriting la compagnia ha adottato “uno specifico score ESG che, per usare una metafora, rappresenta un termometro molto affidabile sulla possibile presenza di rischi ESG in un’impresa della quale si sta valutando l’assunzione. La compagnia, di conseguenza, definisce le azioni da compiere in relazione a tale indicatore, stabilendo quando è possibile procedere e quando invece è necessario approfondire, oppure bloccare, determinate trattative commerciali”. 

BUSINESS SOSTENIBILI: L’IMPORTANZA DELLE SOLUZIONI DATA DRIVEN 

La normativa europea, d’altra parte, sta affrontando in maniera decisa i temi della sostenibilità: il quadro regolamentare è in continua evoluzione, ma già ha iniziato a rivoluzionare il modus operandi del settore assicurativo, oltre a introdurre nuove logiche e metriche di rendicontazione. Il presupposto fondamentale per muoversi con successo in questo nuovo contesto è di disporre di informazioni complete, omogenee e dettagliate, da tradurre in score e metriche ESG sintetiche e facilmente integrabili nei processi operativi. 
L’innovazione normativa richiede, infatti, un salto di qualità nella raccolta, aggregazione, comunicazione e analisi dei dati sulle performance ESG, con un impegno intenso e costante. UnipolSai ha posto al centro della sua strategia ESG l’utilizzo evoluto delle informazioni sulle imprese. “Costruire modelli di valutazione basati sui dati, rafforzati dalle nostre competenze in termini di sostenibilità e di gestione del rischio, per creare valore condiviso: è questo l’approccio che abbiamo già cominciato ad adottare e che continueremo ad applicare”, precisa Giulia Balugani.
Per il settore assicurativo, del resto, l’impiego e la valorizzazione dei dati è da sempre un’attività centrale. UnipolSai, in partnership con CRIF, ha così potuto costruire modelli, rating e Kpi ESG facendo leva su un patrimonio informativo di compagnia ricco ed esteso, seguendo un approccio data driven che acquista particolare importanza in ragione della composizione del portafoglio della compagnia nel segmento imprese, caratterizzata da una forte presenza di Pmi. 

TECNOLOGIE INNOVATIVE PER GESTIRE LE INFORMAZIONI

Anche CRIF crede fortemente che alla base della costruzione dei business del futuro debbano esserci la cultura della sostenibilità e la consapevolezza dell’importanza che rivestono i temi ESG, abbinando a queste un concreto supporto di soluzioni data driven. Per questo motivo CRIF da diversi anni ha instaurato solide partnership con istituzioni europee e partner nazionali che si impegnano nella creazione di modelli economici sostenibili. Attraverso una costante attività di ricerca e sviluppo di prodotti e servizi sustainability linked, il team di CRIF può supportare le compagnie di assicurazioni nella transizione verso business sostenibili con tre importanti leve di innovazione: 

  • ecosistema di dati e analytics ESG, per connettere le diverse attività e settori economici indicati dalle normative (la tassonomia Ue) secondo i loro attributi ESG e sintetizzare il livello di adeguatezza di ogni singola impresa ai fattori environmental, social e governance;
  • questionari qualitativi, che integrano la valutazione quantitativa e statistica; su questo fronte CRIF mette a disposizione SynESGy, una piattaforma sviluppata a livello globale, ed è partner dell’iniziativa TranspArEEnS, progetto finanziato dalla Commissione Europea e coordinato dall’Università Ca’ Foscari di Venezia per raccogliere informazioni sull’efficientamento energetico e le performance ESG;
  • ESG Platform, piattaforma di dati, analytics, che integra i diversi fattori ESG e di scenario (es. cambiamento climatico) in modelli predittivi di rischio e in dashboard di monitoring e reporting ESG.

“Le compagnie assicurative – commenta Filippo Sirotti, senior director business offering development insurance market di CRIF – sono chiamate a evolvere integrando i fattori ESG all’interno del loro modello di business. In questo percorso, il punto di partenza è poter disporre di dati e analytics ESG di qualità. Le compagnie che sapranno valorizzare al meglio e per prime le istanze ESG saranno in grado di acquisire un vantaggio competitivo con un’offerta di prodotti in linea con il nuovo contesto di mercato, i requisiti normativi e le aspettative sempre più green della clientela”. 
In estrema sintesi, il presidio e la valorizzazione dei dati sono il presupposto fondamentale per la concreta applicazione delle politiche di sostenibilità nel settore assicurativo. UnipolSai e CRIF condividono questa visione della centralità del dato, che è uno dei driver più importanti per la creazione di valore sostenibile nel presente e nel futuro. Valore condiviso fra la compagnia assicurativa, i suoi clienti e la comunità nel suo complesso. 


Per maggiori informazioni: marketing@crif.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

crif, esg,
👥

Articoli correlati

I più visti