DIMMI LA TARGA E TI DIRÒ DOVE SEI

Utilizzando la tecnologia, Quattroruote Professional ha ideato strumenti innovativi, quali il riconoscimento per targa, per ottimizzare l’iter del processo riparativo. In attesa della Carta d’identità del veicolo

30/04/2014
👤Autore: Laura Servidio Review numero: 13 Pagina: 62
Costruire nuove relazioni tra gli automobilisti, la propria auto e il mondo della gestione sinistri. Questo l’obiettivo di Quattroruote Professional che, utilizzando la forza dei dati e della tecnologia, cerca di eliminare quelle zone d’ombra in cui si annida la diffidenza dell’assicurato verso la compagnia e l’abitudine a scegliere il carrozziere in modo arbitrario

“Siamo partiti – racconta Fabio Uglietti, responsabile marketing di Quattroruote Professional – cercando un sistema facile e accurato per identificare i veicoli circolanti nel mercato italiano e abbiamo introdotto il Riconoscimento per targa, che rappresenta, ormai, un servizio sociale, utilizzato per 5000 interrogazioni al giorno. Grazie a una copertura del 98% del mercato italiano (immatricolato dal 2001), è possibile conoscere in modo preciso le caratteristiche del veicolo, accertandone posizione geografica e copertura assicurativa”.

Ma la targa è solo il primo passo verso l’utilizzo della tecnologia a servizio del processo autoriparativo. “Abbiamo costruito una moltitudine di servizi web, fruibili non solo dai nostri clienti diretti, ma integrabili in qualsiasi soluzione web, capaci di mettere in comunicazione tutti gli attori rendendo lo scambio di informazioni immediato, certo e funzionale. E in futuro, la nostra intenzione è quella di consentire all’automobilista di informarsi, direttamente dal proprio computer, sullo stato di avanzamento della riparazione del proprio veicolo: ricevere la perizia, concordare il risarcimento, verificare i ricambi utilizzati e ritirare il veicolo, certo di quanto è accaduto nel processo”.

La sfida è fornire a tutti gli attori strumenti web più veloci, sicuri e semplici, capaci di ottimizzare i processi e condividere le informazioni più opportune. “Operante da vent’anni nel mondo automotive, assicurativo e dell’autoriparazione – conclude Uglietti – Quattoruote Professional ha scelto di approcciare il mercato utilizzando il valore aggiunto della trasparenza, qualità, professionalità e difesa del consumatore. Considerati i punti di arrivo per instaurare nuovi rapporti di fiducia. Il nostro sogno è quello di utilizzare queste informazioni in modo automatico, per costruire una Carta di identità del veicolo, che aiuti a certificare la bontà della manutenzione svolta, piuttosto che nascondere le riparazioni eseguite in modo superficiale”. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti