RC AUTO 2013, TRA TARIFFE E RIDUZIONE DEI COSTI

Le esigenze dei consumatori, la garanzia di un risarcimento adeguato e l’abbattimento dei prezzi. Ma quanto è stato realizzato davvero in questo anno? Gli interlocutori del mercato, le autorità di controllo e di vigilanza, le compagnie e gli intermediari si sono incontrati a Milano durante il convegno organizzato da Insurance Connect

31/12/2013
👤Autore: Redazione Review numero: 10 Pagina: 28 - 29
Le nuove regole e gli antichi problemi. Nel primo anno post liberalizzazioni del settore assicurativo, fino a che punto si sono raggiunti gli obiettivi auspicati? Che cosa hanno fatto le compagnie per intervenire nelle aree di inefficienza? A queste e altre domande ha cercato di rispondere il convegno Rc auto 2013, tra tariffe e riduzione dei costi, organizzato a Milano da Insurance Connect, editore di questo mensile. Oltre 170 persone hanno assistito a momenti di confronto a tutto campo tra istituzioni, compagnie ed esperti della gestione del ramo auto, dei sinistri e dell’attività liquidativa. 





A moderare l’intera giornata Maria Rosa Alaggio, direttore di tutte le testate di Insurance Connect. Il convegno è stato aperto dal confronto tra Vittorio Verdone, direttore centrale di Ania e Giuseppe Galasso, direttore credito concorrenza dell’Antitrust, insieme a Maurizio Hazan, dello studio legale Taurini-Hazan di Milano e Renzo Baffi, il responsabile della direzione Fondi di garanzia di Consap. 





Dal lato della distribuzione, si sta osservando un’evoluzione nell’acquisto della polizza auto, favorita dai nuovi canali distributivi. Ne hanno parlato Antonia Boccadoro, segretario generale di Aiba; Fabrizio Premuti, presidente dell’associazione dei consumatori Konsumer Italia, Carmine Paolantonio, responsabile marketing privati di Cariparma, e Filippo Gariglio, presidente Uea. 





Poi c’è il tema fondamentale del danno alla persona. Il dibattito tra Giovanni Cannavò, presidente dell’Associazione Melchiorre Gioia, Giacomo Travaglino, consigliere della III Sezione Civile della Corte di Cassazione di Roma, Vittorio Verdone e Maurizio Hazan ha evidenziato quanto la questione sia complessa e sfaccettata.   




Il finale ha visto l’intervento delle compagnie, con la tavola rotonda dedicata all’antifrode e alla gestione dei sinistri. L’esperienza delle imprese in merito al rapporto tra antifrode e controllo dei costi è stata raccontata da Andrea Lorenzoni, chief claims officer di Zurich Italia; Giacomo Lovati, direttore sinistri Unipol Assicurazioni; Maurizio Monticelli, direttore sinistri rami elementari e auto di Vittoria Assicurazioni; Nicola Murano, responsabile antifrode di Reale Mutua Assicurazioni; Gaetano Occorsio, direttore sinistri di Sara Assicurazioni; Pierluigi Pellino, responsabile organizzazione sinistri di Axa Assicurazioni; Riccardo Porfiri, responsabile liquidazione sinistri auto di Allianz Italia; Ferdinando Scoa, direttore sinistri di Assimoco e Massimo Treffiletti, dell’area sinistri auto e antifrode dell’Ania.






Sul sito www.insurancetrade.it, inoltre, è possibile trovare una serie di video che documentano tutti gli eventi della giornata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

LINK APPROFONDIMENTO

Articoli correlati

I più visti