IL RISPARMIO NASCE DAL DIALOGO

La collaborazione tra piattaforme è la risposta per portare valore ai nuovi modelli distributivi. Come dimostra l'esperienza di Sia nel progetto realizzato in sinergia con Donau Versicherung

09/12/2015
👤Autore: Laura Servidio Review numero: 29 Pagina: 40
Abbattere tempi e costi di gestione e aumentare i ricavi. Questa è la sfida da cogliere nella distribuzione dell’era della multicanalità integrata, dove l’intermediario resta una figura centrale. 
“Il business del futuro – spiega Francesco Merzari, direttore generale di Sia – sarà nella collaborazione tra piattaforme. Se il modello tradizionale vedeva l’interazione tra cliente e intermediario, oggi, il rapporto si allarga a più soggetti, richiedendo l’esistenza di più piattaforme”.
Un’evoluzione che Sia ha portato avanti attraverso il progetto realizzato per Donau Versicherung, che ha fatto dell’integrazione di sistemi una delle principali scommesse su cui investire. 

Il problema, fino a oggi, era riuscire ad evitare disallineamenti e poter disporre, in tempo reale, di informazioni aggiornate: prima i modelli si basavano sullo scambio dati tramite flussi batch, con duplicazioni di procedure, costi e tempi lunghi; poi, con i web services, sistemi eterogenei hanno iniziato a dialogare, ma l’intermediario continuava a sostenere costi già sostenuti dalle compagnie, ad avere disallineamenti e a dover aggiornare costantemente. 


UN MIX DI TECNOLOGIE

L’esperienza di integrazione realizzata da Donau prevede, invece, il ricorso a un mix di tecnologie. “Abbiamo utilizzato – conferma Roberto Rossi, direttore It di Donau Versicherung – i web service per le entità ritenute a più bassa frequenza di aggiornamento (anagrafica, incasso, dati relativi al bene assicurato e dati di ritorno della proposta e/o del contratto), passando il controllo al sistema di compagnia per l’acquisizione dei dati specifici del prodotto, la determinazione del calcolo del premio e la generazione del documento di polizza”. Una tecnica che evita di sviluppare i controlli e il processo di acquisizione dei dati sul sistema dell’intermediario.
“Con questo schema siamo più veloci nel mettere a disposizione della rete di vendita il nuovo prodotto, siamo completamente integrati (i sistemi di compagnia e dell’intermediario dispongono contemporaneamente di tutte le informazioni) e, demandando il controllo al sistema di compagnia, possiamo integrare velocemente anche le funzionalità di post vendita (annullamento, variazione dati anagrafici, sospensione/riattivazione, sostituzione del contratto).
In quattro settimane – conclude – l’intermediario dispone di un sistema che fornisce dati aggiornati e allineati, oltre alle funzionalità che vanno oltre la vendita”. 


L’INTEGRAZIONE SEMPLIFICATA

- Si utilizzano le tecnologie e i sistemi esistenti, con minimo intervento sui sistemi di compagnia.
- Si riducono i tempi del time to market e i costi informatici di implementazione.
- Si sfruttano tutte le potenzialità dei sistemi di direzione.
- I dati risiedono su entrambi i sistemi in tempo reale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LINK APPROFONDIMENTO

Articoli correlati

I più visti