AZIENDE, DAI RISCHI ALLA SICUREZZA DELLA POLIZZA

Il rapporto tra imprenditoria italiana e mercato assicurativo è una relazione che passa prima di tutto attraverso la cultura e la formazione. Il convegno sul tema, organizzato da Insurance Connect, ha coinvolto assicuratori, intermediari, periti, imprenditori, e professionisti delle società di ripristino

22/07/2015
👤Autore: Redazione Review numero: 26 Pagina: 32 - 33
È un quadro estremamente variegato e complesso quello emerso al convegno Aziende, dai rischi alla sicurezza della polizza, organizzato a Milano da Insurance Connect, editore di questa rivista. Questa complessità è apparsa con chiarezza negli interventi e durante i dibattiti che hanno visto protagonisti assicuratori, risk manager, intermediari, periti, imprenditori, consulenti e professionisti delle società di ripristino. La giornata, coordinata da Maria Rosa Alaggio, direttore delle testate di Insurance Connect, è stata un appuntamento molto partecipato (circa 230 i presenti in sala), segno di un rinnovato interesse da parte del mondo industriale verso quello della gestione del rischio. 





A partire dalla prima tavola rotonda, che ha visto il confronto tra i broker (Aiba e Acb), i risk manager (Anra) e il consorzio universitario Cineas. Oggi, secondo le analisi di Cineas, è necessario avere un approccio sempre più segmentato per comparti e tipicità dei rischi. Bisogna operare una distinzione tra grandi aziende e Pmi e capire che la loro interazione all’interno del mercato è fonte di nuovi rischi. 





Molto complessa è la materia legale che sottende a ogni rischio assicurativo, come ha sottolineato Bruno Giuffrè, country managing partner dello studio legale internazionale Dla Piper, nel corso di un intervento incentrato su imprese e internazionalizzazione. 





Un interessante contributo al dibattito nel rapporto tra grandi player e mondo assicurativo è stato dato da Francesco Ferri, procuratore dell’Autodromo di Monza e vice presidente nazionale dei Giovani imprenditori di Confindustria. Ferri, nell’ultimo anno, insieme al suo broker, ha messo in discussione coperture che erano vecchie e costose. Protagonista, quindi, l’intermediario, come hanno ribadito agenti e broker nel confronto tra Arnaldo Bergamasco di Brokers Italiani e Anna Fasoli di Uea. 





Assicuratori e società di ripristino sono intervenuti nel corso della giornata per illustrare case history e soluzioni attraverso cui il mercato può vincere le sfide. Dai Lloyd’s a Coface, dal Pool Inquinamento a Dual Italia, fino al gruppo per e a Belfor Italia, ognuno ha aggiunto una prospettiva, una visione personale della relazione tra aziende e rischi.
Tutti i temi della giornata sono stati poi ripresi nella tavola rotonda finale, molto vivace e partecipata, a cui hanno partecipato le compagnie Allianz global corporate and specialty, Das, Affiliated Fm, Aviva, Aig Italia, le aziende Novatex Italia e Autrostrade per l’Italia e, in rappresentanza del mondo peritale, Francesco Cincotti, presidente di Aipai.  





Nella sezione dedicata sul sito www.insurancetrade.it trovate tutti i video del convegno e le presentazioni dei relatori.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

LINK APPROFONDIMENTO

Articoli correlati

I più visti